DVR E DUVRI: QUALI DIFFERENZE?

Il D.Lgs 81/08 ha posto a carico della ditta Committente, una particolare tipologia di valutazione dei rischi, il cosìdetto DUVRI.

Il DUVRI (Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenza) si applica in tutti i casi in cui ci sia un appalto ad esclusione degli appalti relativi:

✓ a mere forniture di materiali o attrezzature;
✓ a servizi di natura intellettuale;
✓ ai lavori o servizi la cui durata non è superiore a cinque uomini-giorno, sempre che essi non comportino rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori.

A carico della ditta Committente v’è l’elaborazione di un documento che indichi le misure adottate per eliminare o, ove ciò non è possibile, ridurre al minimo i rischi da interferenze tra:

  • la ditta Committente e la ditta appaltatrice
  • le ditte appaltatrici.

Questo documento verrà poi allegato al contratto di appalto o di opera e dovrà essere adeguato in funzione dell’evoluzione dei lavori, servizi e forniture.

Quali sono le differenze tra DVR e DUVRI?

  • Una prima, importante differenza tra i due documenti oggetto del presente articolo riguarda il responsabile della loro redazione. Nel caso del Documento di Valutazione dei Rischi, è sempre il datore di lavoro ad avere la responsabilità di compilare tale manuale. La responsabilità di redigere il Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali appartiene, invece, al committente dell’appalto.
  • Un’altra differenza sta nel fatto che, mentre il DVR si riferisce alla valutazione dei rischi dell’impresa nel suo complesso, il DUVRI è uno strumento che riguarda una specifica attività (che coinvolge più attori), ad esempio determinati lavori nei cantieri.
  • Un’altra differenza riguarda le modalità di aggiornamento dei due modelli di valutazione rischi. Nel caso del DUVRI, esso sarà aggiornato sulla base dell’andamento dei lavori rispetto a quanto stabilito in forma contrattuale; nel caso del DVR, invece, l’aggiornamento dipenderà da eventuali modifiche nella struttura dei processi aziendali.
  • Un’ultima ma significativa differenza riguarda la tipologia di rischi per i quali viene effettuata una valutazione. Nel caso del DVR, si tratta dei vari rischi presenti nel contesto ambientale dell’azienda. Nel caso del DUVRI, invece, ci si riferisce esclusivamente ai rischi da interferenza.

Conclusioni

Comprendere quali siano le differenze tra DVR e DUVRI è fondamentale per procedere alla corretta redazione degli stessi, in conformità alle norme di legge. La non compilazione di questi documenti potrebbe ingenerare anche sanzioni di carattere penale. Pertanto per il datore di lavoro è consigliato sempre rivolgersi a dei professionisti con esperienza dimostrata sul campo.

Condividi l'articolo